Fondazione Adecco per le PO
23 Luglio 2019
Progetto BITE – Imprenditorialità migrante
24 Luglio 2019
Vedi tutti

Formaper – Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi – Lombardia

1) Nome e ragione sociale dell’impresa: Formaper – Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi

2) Ubicazione dell’impresa: Via Santa Marta, 18 20123 Milano (MI)

3) Settore di attività: Azienda Camerale. Servizi / Progetti

4) Tipologia di servizi e/o prodotti: Servizi di informazione/formazione/ assistenza e sviluppo di progetti per favorire l’imprenditoria, e la crescita d’impresa

5) Numero totale di collaboratori: 37

6) Numero totale di collaboratori immigrati: 0

7) Numero totale di tirocinanti immigrati: 0

8) Numero di eventuali collaboratori rifugiati e/o richiedenti asilo: 0

9) Numero di eventuali tirocinanti rifugiati e/o richiedenti asilo: 0

10) Applicazione di dispositivi/iniziative istituzionali a favore dell’integrazione lavorativa e dello sviluppo professionale dei migranti:

NO

UnionCamere ha siglato accordi e protocolli a livello nazionale: ad esempio ha siglato un accordo con il Ministero dell’Interno, i sindacati e le strutture sociali. Ma Formaper non ha siglato accordi e non ha dispositivi o iniziative specifiche sui migranti.

11) Inquadramento delle pratiche di inclusione e valorizzazione lavorative dei migranti in modelli di business e/o strategie competitive socialmente responsabili:

SI, soprattutto per quanto riguarda servizi per le imprese o per gli imprenditori erogati a partire dal 2005; in tale anno si è passati da servizi mirati per i migranti a servizi di mainstreaming, che coinvolgono in modo crescente i migranti, in quanto i migranti costituiscono una parte crescente di quelle persone o utenti (circa il 15%) che sempre più fanno richiesta alle Camere e a Formaper di servizi per lo sviluppo dell’imprenditoria.

Lo “Sportello imprenditori migranti”, che era uno dei servizi offerti da Formaper, ha chiuso oramai da qualche anno, e tale servizio rivolto ai migranti come beneficiari diretti e specifici non esiste più in quanto tale.

12) Sviluppo di iniziative in cooperazione con altri soggetti, e/o partecipazione a reti strutturate di collaborazione, per l’integrazione lavorativa e lo sviluppo professionale dei migranti:

SI, lo sviluppo di progetti con una logica multi-stakeholder è un modus operandi di Formaper, ancor di più si tratta di progetti europei in cui Formaper è partner e/o ente capofila.

Di recente Formaper è impegnata su tre progetti che coinvolgono l’imprenditoria immigrata e l’inserimento lavorativo di migranti.

1.     Progetto MEGA – Migrant Entrepreneurship Growth Agenda

Progetto europeo finanziato dalla linea COSME 2014-2020 della durata di 3 anni, in cui Formaper è partner. Obiettivo del progetto consiste nella la formulazione di politiche e programmi di supporto all’imprenditoria immigrata, nei paesi partner del progetto. Fine ultimo di MEGA è sostenere un’Agenda firmata da molti soggetti della Rete MEGA, cioè una Dichiarazione di Intenti per dare visibilità e supportare lobby per favorire l’imprenditoria immigrata. Specificatamente, il progetto si propone di:

·       Sviluppare reti di soggetti pubblico-privato che a livello territoriale si occupino del sostegno e del rafforzamento delle imprese gestite da cittadini stranieri (start-up e non solo)

·       Far dialogare tra loro questi attori, nell’intento di favorire la collaborazione, gli scambi e le prassi finalizzate a migliorare le politiche e i programmi di sostegno all’inclusione economica dei migranti e dei rifugiati a livello locale, regionale, nazionale ed europeo.

·       Sviluppare attività di networking tra imprenditori e aspiranti imprenditori immigrati, con un’attenzione particolare ai servizi rivolti alle Associazioni immigrate del territorio.

Formaper ha organizzato un primo evento a maggio 2018 presso Palazzo Giureconsulti a Milano che ha coinvolto 30 organizzazioni, tra università, associazioni di categoria, terzo settore. Durante tale evento è stata presentata una fotografia dell’impresa immigrata in Italia e in Lombardia. Sono inoltre stati presentati i servizi a disposizione ed erogabili sia con una modalità conferenziale, sia con una modalità di “fiera”, ovvero allestendo stand per le diverse categorie di servizi offerti (ad esempio i servizi finanziari, servizi di matching, recruitment ed inserimento lavorativo, education/formazione, etc). A seguito di queste attività si è costituita informalmente la Rete a supporto dell’imprenditoria immigrata (MEGA) che è ora in fase di consolidamento e comprende ad oggi oltre 30 organizzazioni tra cui camerali, incubatori, università, associazioni di categoria, enti per la finanza agevolata, del terzo settore, attori istituzionali oltre che naturalmente di associazioni immigrate.

A seguito di queste iniziative sono nate delle collaborazioni: ad esempio, l’Associazione SUNUGAL ha beneficiato del servizio offerto dal Consorzio Credito e Finanza per impostare un’attività di crowdfunding.

Sono inoltre state definite delle prassi rispetto a come sviluppare la “rete” e renderla operativa (ad es. gruppo LinkedIn, iniziative, eventi, occasioni di visibilità, risposte a richieste specifiche su una serie di tematiche, etc.) nel prossimo futuro.

2.     Progetto ENTRY WAY (Imprenditoria Senza Confini. Entrepreneurial Capacity Building for Young Migrants)

Si tratta di una linea di finanziamento della Commissione Europea, direttamente finanziato tramite la DG GROW Formaper è capofila di un consorzio intereuropeo che coinvolge 6 partner in 5 paesi: Italia, Germania, Spagna, Svezia, Grecia. E’ un progetto della durata di 2 anni che terminerà a maggio 2019.

Obiettivi:

·       Identificazione e selezione di cittadini di origine straniera extracomunitaria legalmente residenti (in possesso di permesso di soggiorno) nelle province target dei 5 paesi coinvolti aspiranti imprenditori (con un idea di business)

·       Erogazione di servizi di informazione, orientamento, formazione, e consulenza per acquisire le competenze tecniche necessarie ad avviare con successo la propria attività imprenditoriale

Il progetto prevedere l’applicazione del modello Formaper alla creazione di impresa. Tale modello include attività di orientamento, colloqui individuali, formazione, mentoring per l’accompagnamento individuale alla stesura del business plan.

A livello europeo sono stati coinvolti ad oggi circa 500 aspiranti imprenditori, di cui 116 a Milano e aree limitrofe.

In una prima fase del progetto i soggetti aspiranti imprenditori sono stati preselezionati in base ad alcuni requisiti. La seconda fase del progetto è consistita nel coinvolgimento dei soggetti preselezionati nelle attività di formazione, culminate con l’elaborazione e stesura del business plan, in un arco di 60 ore d’aula, più le sessioni individuali di assistenza individuale e di mentoring.

In Italia le attività di mentoring sono state organizzate in collaborazione con il programma Virgilio (Associazione Volontari Rotariani per il tutoraggio a favore dei Nuovi Imprenditori).

Inoltre, i partner del progetto hanno attivato modalità di “peer exchanges” in presenza e a distanza sul tema dei servizi di supporto all’impresa migrante.

3.     Progetto ERIAS – European Refugees Integration Action Scheme

ERIAS è un progetto finanziato dalla Commissione Europea tramite il programma AMIF (Asylium, Migration and Integration Fund) dalla DG Home. Il progetto è iniziato a gennaio 2019, e durata complessiva del progetto è di 30 mesi. Formaper è soggetto capofila di un consorzio formato da 13 partner provenienti da 6 paesi (Italia, Belgio, Bulgaria, Grecia, Spagna, Francia).

Il progetto intende favorire l’inserimento lavorativo degli stranieri, attraverso la condivisione di metodologie tra i partner.

ERIAS si inquadra altresì nella recente iniziativa CHAMBER+ lanciata da Eurochambres all’inizio del 2018 e intende decentrare la gestione dei progetti camerali europei alle realtà più significative del sistema camerale europeo.

Sono beneficiari del progetto:

·       Third country nationals = cittadini provenienti da paesi terzi;

·       Refugees: con diritto di risiedere e lavorare in Italia

Sono invece esclusi i richiedenti asilo la cui domanda non è ancora stata ammessa, o non riconfermata, al fine di evitare problemi con le proroghe dei contratti (problema riscontrato in precedenti progetti).

Obiettivi del progetto:

·       Selezionare, valutare le competenze e formare cittadini di paesi terzi per facilitarne l’inclusione all’interno del mercato del lavoro (50 persone in Italia, oltre 300 nei paesi UE)

·       Promuovere una collaborazione pubblico-privata per facilitare l’inclusione lavorativa di cittadini stranieri

·       Sviluppare strumenti pratici al fine di aumentare le opportunità di lavoro

Il progetto è appena iniziato. La prima fase consiste nella studio e nell’identificazione dei settori dove la domanda di lavoro è particolarmente richiesta. Tale attività è propedeutica alla facilitazione dell’inserimento lavorativo. La fase di selezione, così come quella di formazione, si baseranno sull’applicazione di un modello di competenze dei migranti, secondo le cosiddette competenze “third country nationals”, attraverso uno skills test profile pubblicato dall’UE. Inoltre, la Camera di Commercio della Bretagna sta sviluppando una checklist delle tipologie di imprese che assumeranno maggiormente migranti (ad esempio in considerazione di esigenze del territorio, settore, background educativo migranti,…) e che si configurerà come uno strumento di selezione per le imprese. A tale fase ne seguirà un’altra di co-progettazione con le imprese, ed erogazione di moduli formativi taylor-made per diversi settori e tipologie di figure professionali. Infine, per le aziende coinvolte, saranno previste attività one-to-one volte a facilitare l’inserimento lavorativo.

13) Azioni/iniziative fondamentali di diversity management a favore dei migranti:

NO

14) Eventuali impatti già riscontrabili:

1. Impatti/ Risultati del progetto MEGA (ad oggi):

·       18 soggetti della rete hanno firmato l’Agenda;

·       Oltre 30 organizzazioni costituiscono la Rete MEGA

·       Formazione su credito e crowdfunding a SUNUGAL

·       Lettera di supporto per AVANZI e un’application su JPMorgan Foundation

·       Alcune realtà di associazioni per migranti contattano Formaper (es. SINGA, SoleTerre, etc.)

2. Impatti / Risultati del progetto ENTRYWAY

·       Promozione del progetto e dei servizi per lo sviluppo dell’imprenditoria immigrata e azioni di comunicazione multicanale (es. Campagna su Facebook, network/mail-list dell’Associazione SUNUGAL, creazione e diffusione di brochure e materiale informativo,…), realizzazione di un video pubblicato su YouTube, etc.

·       Attrazione mostrata al progetto di quei soggetti che hanno già partecipato a progetti camerali. Risposta più alta riscontrabile dalle associazioni e da migranti provenienti dall’area dell’America Latina (e non dal Marocco, o dalla Cina come ci si sarebbe potuto aspettare, considerando i dati demografici locali a Milano e zone limitrofi), e con progetti di sviluppo di imprese “etniche” concentrate nel settore della ristorazione. Altre risposte positive si sono riscontrate soprattutto da studenti del POLIMI provenienti dall’Iran, nel settore delle produzioni artistiche, tessile, artigianato, sviluppo di piattaforme informatiche,…

·       Monitoraggio del raggiungimento dell’obiettivo a livello europeo, che è quello di riuscire a selezionare 30 imprese “sostenibili” nel tempo

3.     Impatti / Risultati del progetto ERIAS

·       Trasferibilità di strumenti di valutazione delle competenze “third country national” e di checklist per l’assessment del fabbisogno potenziale di competenze “third country national” da parte di imprese

·       Non ancora valutabili in quanto il progetto è appena iniziato