Paper “The consistency of the link between EU scepticism and immigration issues”
1 Ottobre 2016
Progetto “START – Servizi socio-sanitari trasversali di accoglienza per richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale”
3 Dicembre 2016
Vedi tutti

Paper “L’islam nelle carceri italiane”

La popolazione detenuta in Italia è una realtà composita e complessa, e i cambiamenti demografici in atto in Italia influenzano inevitabilmente in modo diretto anche la sua composizione. Se nei primi anni ’90 gli stranieri rappresentavano poco più del 15% dei carcerati, oggi questi raggiungono il 35% del totale (18.311, di cui 17.441 uomini e 870 donne).

Da un punto di vista religioso, oltre alle presenze di cristiani di diverse confessioni, indù, sikh e buddisti, tra gli stranieri in regime di detenzione, la religione islamica è in percentuale quella prevalente. Un indicatore significativo è rappresentato dalla consistenza della componente maghrebina (Marocco: 3.146; Tunisia: 1.996; Algeria: 403), di cui la maggior parte si dichiara, o è presumibilmente, di fede islamica. Perciò, considerando anche i reclusi di provenienza asiatica e dall’Africa nera, si può stimare che più di un detenuto straniero su tre sia musulmano.

Autore: Antonio Cuciniello
Anno: 2016
Editore: Fondazione ISMU
Tipologia: Paper, Fact sheet e articoli