I nuovi permessi previsti dal decreto nr. 130 del 2020: considerazioni sulla portata applicativa
10 Giugno 2021
Salute senza frontiere II. Salute e medicina interculturale
14 Giugno 2021
Vedi tutti

Repertorio di soft skill legate all’esperienza migratoria

Il progetto DIMICOME ha, tra i suoi obiettivi, anche quello di capire se esistano alcune soft skill che possono essere particolarmente legate all’esperienza migratoria. Il secondo work package del progetto, dal titolo Da potenziale latente a risorsa visibile: le soft skills legate al background migratorio, è stato dedicato proprio a questo aspetto. La sperimentazione delle Linee guida DIMICOME per l’identificazione e la valutazione delle soft skill dei migranti (Boerchi, Di Mauro, Sarli, 2020) ha permesso di costruire il repertorio condiviso con questo documento.

Il repertorio delle soft skill creato all’interno del progetto DIMICOME non vuole avere carattere di esaustività, ma intende fornire un supporto alle metodologie esistenti nei campi dell’identificazione e della valutazione delle soft skill dei migranti per favorire l’incontro tra la domanda e l’offerta di competenze all’interno del mercato del lavoro, ponendo una particolare attenzione alla realtà italiana.

La definizione di soft skill  che è stata adottata è quella del del CEDEFOP, secondo la quale per soft skill si intendono quelle competenze utili per diversi lavori e settori e che possono essere state sviluppate attraverso la biografia personale e professionale della persona, non solo in contesti di apprendimento formali (es.: scuola o percorsi formativi), ma anche in contesti non formali (es.: contesti di lavoro o esperienze di volontariato) o informali (es.: esperienze di vita).

 

 

Autore: Diego Boerchi e Maura Di Mauro
Anno: 2021
Editore: Fondazione ISMU
Tipologia: Guide e strumenti