Progetto “Indagine sulla salute e il benessere dei migranti bengalesi in Italia”
8 Giugno 2022
Webinar “Il settore sanitario: un’altra emergenza dopo l’emergenza?
9 Giugno 2022

Progetto “MilanoAiuta Ucraina”

MilanoAiuta Ucraina è il fondo solidale costituito da Fondazione di Comunità Milano in collaborazione con il Comune di Milano.

Fondazione ISMU è il capofila del progetto di accoglienza e supporto ai minori e alle famiglie ucraine e realizzato grazie alle risorse del fondo.

Insieme a ISMU sono impegnati Codici Ricerca e Intervento e 13 partner territoriali distribuiti su tutti i territori Municipali della città di Milano.

Obiettivo e destinatari

Azioni

Raccogliere e interpretare i bisogni di minori e famiglie in fuga dalla guerra e attivare risposte adeguate a sostenere processi di integrazione sociale temporanea/di medio termine in aggiunta alle misure di accoglienza disposte a livello nazionale e ai servizi e attività rivolti anche agli altri cittadini.

Il progetto si rivolge primariamente ai minori e alle famiglie ucraine in fuga dalla guerra, neoarrivati nel comune di Milano e in generale nel territorio della città metropolitana, nonché ai cittadini ucraini e di altre nazionalità che li ospitano.

Quando

Maggio-ottobre 2022

  • attivazione di un centralino telefonico in lingua ucraina al numero 020205 (finanziato da Andrij Shevchenko) in collaborazione con il servizio di front office del Centro Servizi WeMi Inclusione del Comune di Milano per l’intercettazione della domanda e l’offerta tempestiva di supporto attraverso informazioni e consulenza sui permessi di soggiorno, orientamento ai servizi della città e ai laboratori linguistici di italiano L2
  • attivazione di antenne territoriali corrispondenti ai Municipi della città di Milano per raccogliere i bisogni e le istanze dei cittadini
  • realizzazione di laboratori linguistici L2 per minori e corsi per mamme bambini (coordinati da Fondazione ISMU)
  • supporto psicologico di gruppo
  • supporto all’inserimento scolastico (dal mese di settembre) in collaborazione con i Poli Start e le reti territoriali di riferimento delle scuole coinvolte.