I minori stranieri non accompagnati
21 Maggio 2020
Coronavirus e migrazioni. Analisi, commenti, rassegna stampa e siti
23 Maggio 2020
Vedi tutti

La nuova regolarizzazione degli immigrati

Farm workers harvesting yellow bell peppers near Gilroy, California. Crews like this may include illegal immigrant workers as well as members of the United Farm Workers Union founded by Cesar Chavez.

Farm workers harvesting yellow bell peppers near Gilroy, California. Crews like this may include illegal immigrant workers as well as members of the United Farm Workers Union founded by Cesar Chavez.

Fondazione ISMU, nell’ambito delle sue attività di studio e ricerca, intende approfondire la questione relativa al dibattito e alla normativa (all’interno del Decreto cosiddetto ‘Rilancio’, 13.05.2020) in merito al processo di ‘regolarizzazione’ degli immigrati e che riguarda una platea di diversi destinatari e settori produttivi (a partire da quello primario, l’agricoltura).

Si è quindi attivato un monitoraggio, di natura multi e interdisciplinare, in ordine ai seguenti aspetti che riguardano rispettivamente quattro distinte fasi temporali tra loro connesse:

  • Fase 1 – Raccolta e analisi delle diverse posizioni prima dell’uscita del Decreto
  • Fase 2 – Analisi e commento (di natura prevalentemente giuridica) del Decreto da parte di ISMU per individuare i punti di forza e debolezza
  • Fase 3 – Dibattito rispetto al Decreto e raccolta, attraverso interviste a testimoni privilegiati, dei diversi pareri su di esso
  • Fase 4 – Monitoraggio dell’applicazione del Decreto.

Le interviste ai diversi attori (istituzionali e appartenenti alla società civile, alle associazioni di interessi e del terzo settore) si svolgeranno dopo l’emanazione del Decreto, al fine di individuare coloro che sono favorevoli, i contrari e gli alternativi al Decreto stesso.

Parallelamente a queste attività, ci sarà la raccolta di dati relativi alla realtà migratoria, in particolare a quella irregolare con riferimento alla dinamica del mercato del lavoro.

Data l’importanza del tema, ISMU apre questa nuova pagina del sito con l’auspicio che possa contribuire alla conoscenza, all’analisi e alla riflessione critica della questione.

Vincenzo Cesareo, Segretario Generale Fondazione ISMU

Fase 1 - Raccolta e analisi delle diverse posizioni prima dell'uscita del Decreto

di Nicola Pasini e Marta Regalia

Fin dalla nascita del governo Conte II, il tema delle regolarizzazioni dei migranti irregolari e la necessità di superamento del sistema dei flussi rientra nell’agenda politica in quanto viene da più parti riconosciuto che le politiche sin lì attuate hanno sostanzialmente prodotto più di mezzo milione di irregolari, avendo precluso qualsiasi possibilità di regolarizzazione. LEGGI

 

di Ennio Codini

In attesa della regolarizzazione che sembra imminente, pare utile mettere in evidenza alcuni punti:
1) La scelta, secondo la tradizione italiana, è quella di ricorrere a un provvedimento straordinario. LEGGI TUTTO

 

di Sara Morlotti

“Al fine di sopperire alla carenza di lavoratori nei settori dell’agricoltura, dell’allevamento, della pesca e dell’acquacoltura, in conseguenza del rischio sanitario connesso alla diffusione del Covid 19, i datori di lavoro (…) che intendano concludere un contratto di lavoro subordinato nei suddetti settori economici, a tempo determinato con cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale in condizioni di irregolarità, possono presentare apposita istanza allo Sportello Unico per l’Immigrazione“. LEGGI TUTTO

 

di Sara Morlotti

In aprile le esigenze relative all’emergenza COVID-19 hanno continuato a catalizzare l’attenzione anche nel settore della disciplina dell’immigrazione. LEGGI TUTTO

Fase 2 – Analisi e commento (di natura prevalentemente giuridica) del Decreto da parte di ISMU per individuare i punti di forza e debolezza

di Nicola Pasini e Marta Regalia

A una settimana dal 1° giugno, da quando cioè è diventata operativa la possibilità di richiedere la regolarizzazione (secondo l’articolo 103 del Dl 34/2020, infatti, i datori di lavoro o i lavoratori interessati all’emersione possono fare domanda dal 1° giugno al 15 luglio 2020), l’utilizzo di tale misura per ora stenta a decollare. LEGGI TUTTO

 

di Sara Morlotti

In maggio la legislazione è stata tutta ancora incentrata sull’emergenza COVID-19 e sulle sfide sociali ed economiche della “Fase 2”, anche nel settore della migrazione. LEGGI TUTTO

 

di Ennio Codini

Già le parole con cui si apre l’art. 110-bis del decreto “Rilancio” segnalano che, nel giro di poche settimane, il progetto di regolarizzazione ha mutato decisamente la sua natura. LEGGI TUTTO

Fase 4 – Monitoraggio dell'applicazione del Decreto

Si è conclusa la procedura di emersione dei rapporti di lavoro, avviata lo scorso 1 giugno ai sensi dell’articolo 103, comma 1, del decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020, che ha riguardato i settori dell’agricoltura, del lavoro domestico e dell’assistenza alla persona.Il totale delle domande ricevute dal portale del Ministero dell’Interno ammonta a 207.542. LEGGI TUTTO

 

Dal 1º giugno, è attiva la procedura per l’emersione dei rapporti di lavoro prevista dall’articolo 103, comma 1, del decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020, che terminerà il 15 agosto. I settori interessati sono l’agricoltura, il lavoro domestico e l’ assistenza alla persona. LEGGI TUTTO

 

Ogni giorno, dal 1º giugno, sono state presentate dai datori di lavoro al portale del ministero dell’Interno oltre 2.650 domande di regolarizzazione dei rapporti di lavoro nell’ambito della procedura di emersione prevista dall’articolo 103, comma 1, del decreto legge n.34 del 19 maggio 2020 per i settori dell’agricoltura, del lavoro domestico e di assistenza alla persona. LEGGI TUTTO

 

Ogni giorno, dal 1° giugno, sono state presentate dai datori di lavoro al portale del Ministero dell’Interno oltre 2.100 domande di regolarizzazione dei rapporti di lavoro nell’ambito della procedura di emersione prevista dall’articolo 103, comma 1, del decreto legge n.34 del 19 maggio 2020 per i settori dell’agricoltura, del lavoro domestico e di assistenza alla persona. LEGGI TUTTO

Rassegna stampa