Riflessioni a margine del ponte aereo Kabul-Roma
5 Ottobre 2021
Portfolio europeo delle lingue – PEL
19 Ottobre 2021
Vedi tutti

Immigrazione e cooperazione internazionale – Comunicato stampa 12.10.2021

 Comunicato stampa

Immigrazione e cooperazione internazionale

Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano – Sala Negri da Oleggio

 

Milano, 12 ottobre 2021

Si è tenuto stamattina presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano il Seminario “Immigrazione e cooperazione internazionale” organizzato da Fondazione ISMU, Tamat, Centro di Ateneo per la Solidarietà Internazionale (CeSI) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Caritas Mali. Partendo dal progetto in corso “Bara Ni Yiriwa – Lavoro e Sviluppo in Mali” (CUP F76J20000110008), cofinanziato dal Ministero dell’Interno italiano, l’incontro è stato l’occasione per discutere sulle prospettive del rapporto tra immigrazione e cooperazione internazionale.

Il seminario si è aperto con i saluti istituzionali di Franco Anelli, Magnifico Rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano; Vincenzo Cesareo, Segretario Generale di Fondazione ISMU; Jean Zerbo, Cardinale – Arcivescovo di Bamako, Mali (intervento con video saluto). È seguita la discussione sul tema “Migrazione e co-sviluppo, il ruolo del progetto Bara Ni Yiriwa”, moderata da Nicola Pasini, responsabile del Settore Europa e Paesi Terzi di Fondazione ISMU, alla quale hanno partecipato: Marta Lovison, Project Manager di Fondazione ISMU; M. Théodore Togo, Segretario Generale Caritas Mali (intervento on line); Piero Sunzini, Direttore Generale di Tamat Ong; Marco Caselli, Direttore del Centro di Ateneo per la Solidarietà Internazionale (CeSI), Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano; Michele di Bari, Capo del Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione al Ministero dell’Interno; Emanuela Del Re, Rappresentante Speciale dell’Unione Europea per il Sahel (intervento con video).

Durante il dibattito sul tema “Migrazione e co-sviluppo, il ruolo del progetto Bara Ni Yiriwa” è stata illustrata l’esperienza virtuosa di “Bara Ni Yiriwa – Lavoro e Sviluppo in Mali”, il progetto di cooperazione internazionale coordinato da Tamat NGO, in collaborazione con Fondazione ISMU, il Centro di Ateneo per la Solidarietà Internazionale (CeSI) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, l’ONG maliana Le Tonus, l’Haut Conseil des Maliens des Maliens à l’Extérieur – Italie (H.C.M.E Italie) e Caritas Mali,  che intende favorire lo sviluppo socioeconomico e la creazione di opportunità di lavoro in Mali offrendo delle alternative valide e significative alla migrazione irregolare.

Il Capo Dipartimento prefetto Michele di Bari , nel concludere i lavori , ha previamente partecipato i saluti del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, e ha illustrato le linee adottate dal Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione, sottolineando  che il fenomeno migratorio esige una risposta multidisciplinare .

La cooperazione internazionale rientra tra queste risposte che non può non tenere conto  dei contesti geografici e demografici dei Paesi di provenienza.

Inoltre, il Prefetto, ha ribadito che le paure connesse al fenomeno migratorio possono efficacemente essere contrastate soltanto nel rispetto dei principi costituzionali e delle leggi .

Il rapporto tra immigrazione e cooperazione internazionale è uno dei temi cui ISMU sta dedicando un’attenzione specifica, con l’obiettivo di analizzare e approfondire le relazioni tra Europa e Africa in termini di iniziative congiunte e movimenti migratori. In particolare è oggetto di indagine da parte di ISMU il rapporto tra migrazione e sviluppo, guardando, da un lato, alle politiche di cooperazione avviate dall’UE in Africa e, dall’altro, al ruolo delle diaspore. Proprio in questa prospettiva, Fondazione ISMU è lieta di annunciare di aver stretto un rapporto di partnership strategico con Tamat con l’obiettivo di valorizzare le sinergie operative nella gestione di progetti sui temi della formazione in agro-ecologia, dell’integrazione sociale, economica e lavorativa dei migranti e sull’inclusione di soggetti a rischio di emarginazione socio-economica.

Segnaliamo che su www.ismu.org è presente una sezione specifica dedicata all’Europa e ai Paesi terzi:  https://www.ismu.org/europa-africa-e-migrazioni/

 

***

Per informazioni
Francesca Serva, Ufficio stampa ISMU, Via Copernico, 1 – 20125 Milano, 335.5395695, ufficio.stampa@ismu.org

CHI SIAMO

Fondazione ISMU – Iniziative e Studi sulla Multietnicità è un ente di ricerca scientifica indipendente. Dal 1993 ISMU è impegnato nello studio e nella diffusione di una corretta conoscenza dei fenomeni migratori, anche per la realizzazione di interventi per l’integrazione degli stranieri.

ISMU collabora con istituzioni di governo a livello nazionale ed europeo, amministrazioni locali e periferiche, agenzie socio-sanitarie, istituti scolastici di ogni ordine e grado, università, centri di ricerca scientifica italiani e stranieri, fondazioni nazionali e internazionali, biblioteche e centri di documentazione, agenzie internazionali e rappresentanze diplomatiche, associazioni del terzo settore, aziende e associazioni di categoria.

Seguici su: FACEBOOK: @fondazioneismu – TWITTER: @Fondazione_Ismu – LinkedIN: Fondazione ISMU (Iniziative e Studi sulla Multietnicità)

 

CHI SIAMO

Tamat è un’organizzazione non governativa riconosciuta dal Ministero Affari Esteri (MAECI) e dalla Agenzia della cooperazione italiana (AICS). Dal 1995 lavora su cooperazione internazionale, sviluppo sostenibile, sovranità e sicurezza alimentare, agro-ecologia e agricoltura.

Tamat collabora con istituzioni governative a tutti i livelli, associazioni del terzo settore, Università, Centri di ricerca e Fondazioni. Sostiene le organizzazioni locali e la società civile per implementare soluzioni di sviluppo sostenibile in ambito sociale, ambientale, culturale ed economico. Coopera in Africa, America Latina e Balcani. Lavora in Italia con le associazioni locali, la società civile, le istituzioni e università sui temi e le sfide legate a sviluppo e processi di interdipendenza globale.

Seguici su: WEBSITE: tamat.org  – FACEBOOK: @tamatngo – TWITTER: @ONGTamat