Europa, Africa e migrazioni

Perché monitorare il rapporto migrazione e sviluppo

Il rapporto tra migrazione e sviluppo è ampiamente riconosciuto a livello internazionale ed è ormai integrato nei documenti strategici dell’ONU, come l’Agenda 2030, così come nelle politiche dell’Ue e dell’Italia. La linea strategica si pone come obiettivo di valorizzare le attività di progettazione e di ricerca già avviate da ISMU nel 2018 e orientare le medesime attività per tutto il 2019 lungo questi due temi, concentrandosi sull’Europa e sull’Africa.

In particolare la linea si concentra su

  • il ruolo della diaspora nello sviluppo dei paesi di origine, con un’attenzione particolare alla diaspora dei paesi dell’Africa sub-sahariani presente in Europa. Questo filone tematico include progetti già avviati nel campo dell’imprenditorialità migrante (progetto BITE – Building Integration Through Entrepreneurship) e nel campo dello sviluppo locale (progetto AwArtMali – Awareness raising and info through art on irregular migration risks in Mali)
  • la programmazione europea in materia di cooperazione allo sviluppo e migrazione. Da un lato ISMU si soffermerà sul ciclo cinquennale della nuova Commissione Europea e del nuovo Parlamento europeo la cui composizione e programma si delineeranno tra le elezioni europee (maggio) e la nomina ufficiale dei commissari (novembre). Dall’altro lato il monitoraggio riguarderà la programmazione finanziare del settennio 2021-2027 (MFF).

I nostri paper

INFOflash dall'Europa

Questa pagina contiene le news più recenti dall’Europa sui temi delle migrazioni.