Plurilinguismo nella scuola che (s)cambia
28 Giugno 2021
Ius culturae
6 Luglio 2021
Vedi tutti

Diminuiscono le rimesse degli immigrati verso l’estero – Comunicato stampa 14.7.2021

Comunicato stampa

DIMINUISCONO LE RIMESSE DEGLI IMMIGRATI VERSO L’ESTERO

Milano, 14 luglio 2021

In base alle ultime elaborazioni svolte a partire dai dati Istat e dell’Osservatorio Regionale per l’integrazione e la multietnicità (Orim), ISMU stima che, nel 2020, le rimesse della popolazione immigrata dall’Italia verso tutti i Paesi del mondo abbiano raggiunto un totale di 2 miliardi e 197 milioni di euro a fronte dei 2 miliardi e 269 milioni stimati nel 2019, con una contrazione del 3,2%.

Nel 2020 al primo posto per invio di rimesse dall’Italia verso l’estero si colloca il collettivo rumeno con 507 milioni di euro (-7,0%, rispetto al 2019), seguito da quello ucraino (158 milioni), marocchino (107 milioni) e indiano (102 milioni). Tutti gli altri principali Paesi si collocano al di sotto della soglia dei cento milioni di rimesse annue nel 2020: Pakistan 90 milioni, Filippine 84, Sri Lanka 82, Senegal e Polonia 75 a testa, e Cina 74 (-67,1% rispetto ai 255 milioni del 2019).

 

Figura 1 – Stima delle rimesse in milioni di euro per Paese di destinazione, in uscita dall’Italia durante il 2020

 

 

Fonte: nostre elaborazioni su dati Istat e Osservatorio Regionale per l’integrazione e la multietnicità.

 

Nonostante la crisi causata dall’emergenza sanitaria, le rimesse che gli immigrati hanno effettuato dalla Lombardia verso i Paesi di origine sono invece in leggero aumento: il denaro inviato all’estero nel 2020 è stimato in 601,7 milioni di euro, pari al +3,9%, rispetto ai 579,3 milioni stimati nel 2019. Un aumento che è in controtendenza rispetto all’andamento degli ultimi 14 anni: dal 2006, anno in cui ammontavano a 777,5 milioni di euro, le rimesse dalla Lombardia verso l’estero hanno subito una contrazione del 22,6%. Fino al 2019, dunque, la popolazione immigrata si è mostrata sempre più intenzionata a spendere e a investire i propri soldi in Italia, piuttosto che in patria.

Nel 2020 lo scenario sembra cambiato: il lieve incremento del volume di rimesse sta probabilmente a indicare che è in crescita il numero di chi, tra i migranti, avrebbe intenzione di “preparare il campo” a un eventuale ritorno in patria.

Come si è rivelato già in altre ricerche di Fondazione ISMU, ciò che più fortemente incide sul volume delle rimesse è proprio la prospettiva di tornare in patria, rispetto alla quale elevate quote di rimesse diventano una risorsa per facilitare il rientro.

Il report completo è disponibile QUI

Per consultare la sezione “Rimesse degli immigrati” della nostra banca dati clicca QUI.

***

Seguici  anche su

FACEBOOK  @fondazioneismu  –   TWITTER  @Fondazione_Ismu  –  LinkedIn: Fondazione ISMU ( Iniziative e Studi sulla Multietnicità)

 

Per informazioni
Francesca Serva
Ufficio stampa ISMU
Via Copernico, 1 – 20125 Milano
335.5395695
ufficio.stampa@ismu.org
www.ismu.org