Progetto “MAPO – Mutual Accomodation in Participative One-stop-shops”
14 giugno 2018
Progetto “Never Alone”
14 giugno 2018
Vedi tutti

Progetto “Safe Women in Migration – 2.20 SWIM”

Descrizione

Il progetto, finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Directorate-general justice and consumers,  che ha come capofila Fondazione Albero della Vita e di cui ISMU è partner assieme a una rete di altri soggetti, ha come obiettivo quello di  contribuire alla protezione delle donne e delle ragazze migranti e richiedenti asilo vittime e a rischio di violenza di genere in cinque paesi.

Le principali azioni previste sono: la realizzazione di capacità di sviluppo e toolkit per il personale che lavora con le donne richiedenti asilo e migranti; la formulazione di un modello di informazioni e di accesso ai servizi di supporto GBV; l’invito all’azione delle missioni diplomatiche e del settore privato per proteggere le donne migranti dalla violenza di genere; la Tavola rotonda dell’UE con le parti interessate europee; l’adattamento nazionale della EU Gender Sensitive Reception Condition Charter. Nell’ambito del progetto ISMU si occupa di attività di consulenza scientifica, ricerca, consulenza e capacity building.


Scheda

TITOLO

SWIM – Safe Women in Migration. Strengthen GBV protection for migrant and asylum seeker women

ENTE FINANZIATORE

European Commission Directorate-General Justice and Consumers
Directorate A Unit A4: Programme management JUST/2016/ACTION GRANTS PART B

CAPOFILA

Fondazione Albero della Vita – Milano

PARTNER
  • Fondazione Albero della vita Onlus (Capofila)
  • Svenska Röda Korsets centralstyrelse
  • Associazione Croce Rossa italiana
  • Fondazione ISMU – Iniziative e studi sulla multietnicità
  • The british red cross society royal charter
  • Romanian National Council for Refugees
  • France terre d’asile
OBIETTIVI

Contribuire alla protezione delle donne e delle ragazze migranti e richiedenti asilo vittime e a rischio di violenza di genere in cinque paesi.

Il progetto intende quindi:

  • Costruire capacità e competenze dei professionisti e degli operatori dei servizi per la protezione e il supporto alle vittime di violenza di genere e applicare le leggi vigenti;
  • Sensibilizzare e informare le donne migranti e richiedenti asilo riguardo l’accesso ai servizi di accoglienza, sostegno e ai servizi giuridici;
  • Progettare un efficace meccanismo di rinvio per consentire un rapido sostegno alle donne migranti e richiedenti asilo, vittime o a rischio di Violenza di genere.
AZIONI
  • Realizzazione di capacità di sviluppo e toolkit per il personale che lavora con le donne richiedenti asilo e migranti;
  • Formulazione di un modello di informazioni e di accesso ai servizi di supporto GBV;
  • Invito all’azione delle missioni diplomatiche e del settore privato per proteggere le donne migranti dalla violenza di genere;
  • Tavola rotonda dell’UE con le parti interessate europee;
  • Adattamento nazionale della EU Gender Sensitive Reception Condition Charter.

DURATA

2018-2020