In aumento gli italiani che vivono all’estero
30 maggio 2019
Lombardia- Scame Parre
14 giugno 2019
Vedi tutti

Progetto “Coltiviamo l’integrazione”

Coltiviamo l’integrazione è un progetto co-finanziato dall’Unione Europea attraverso il Fondo Asilo Migrazione e Integrazione 2014-2020.

Il Progetto intende favorire l’inclusione economica e sociale di cittadini dei Paesi terzi grazie al rafforzamento delle competenze e del dialogo tra operatori e stakeholder, all’individuazione e alla riflessione condivisa su buone pratiche a livello europeo, e allo sviluppo di un modello innovativo da implementare per rafforzare l’integrazione dei migranti nelle società di accoglienza attraverso laboratori di agricoltura inclusiva.


Il progetto nel dettaglio

TITOLO

Coltiviamo l’integrazione

ENTE FINANZIATORE

Fondo Asilo Migrazione e Integrazione 2014-2020 (PROG-1979)

ENTE CAPOFILA

Tamat ong

PARTNER

Fondazione ISMU
I Tetti Colorati
R.F. Kennedy Human Rights
Cardet (Cipro)

DESTINATARI

Operatori appartenenti a enti del servizio privato (associazioni/fondazioni) e di quello pubblico, che lavorano nell’ambito dell’integrazione dei migranti.

Migranti (cittadini paesi terzi) regolarmente soggiornanti in Italia e/o richiedenti asilo e/o titolari di protezione internazionale.

AMBITO TERRITORIALE

Milano, Perugia, Ragusa

OBIETTIVI

Favorire l’inclusione economica e sociale di cittadini dei Paesi terzi grazie al rafforzamento delle competenze e del dialogo tra operatori e stakeholder, all’individuazione e alla riflessione condivisa su buone pratiche a livello europeo, e allo sviluppo di un modello innovativo da implementare per rafforzare l’integrazione dei migranti nelle società di accoglienza attraverso laboratori di agricoltura inclusiva.

AREE PROGETTUALI E AZIONI
  • Condivisione del catalogo di buone pratiche EU
  • Sviluppo del modello di agricoltura inclusiva
  • Avvio e gestione dei Laboratori di agricoltura inclusiva a Milano, Perugia e Ragusa
  • Comunicazione e diffusione
ATTIVITÀ ISMU

Fondazione ISMU, partendo dalle riflessioni elaborate durante la condivisione di buone pratiche italiane ed europee per l’integrazione dei migranti, si occupa dell’elaborazione di un modello condiviso per l’integrazione dei migranti attraverso esperienze di agricoltura che verrà analizzato e successivamente validato in base ai risultati ricavati dai Laboratori di Agricoltura Inclusiva.

PRODOTTI (OUTPUT)
  • 1 mostra
  • 1 evento finale
  • 3 seminari e 3 focus group
  • 3 study visit
  • 3 laboratori di formazione linguistica e tecnica
  • 3 laboratori di agricoltura inclusiva
DURATA

Mesi 30:  ottobre 2018 – marzo 2021